Recensione “La collezionista di libri proibiti” di Cinzia Giorgio

Buon pomeriggio lettori!

Oggi voglio parlarvi di un romanzo davvero interessante di un’autrice italiana, Cinzia Giorgio.

Il libro in questione si intitola “La collezionista di libri proibiti” e racconta la storia di Olimpia, una ragazza di Venezia che fin da piccola dimostra uno spiccato amore per la letteratura e per i libri. All’età di quindici anni si ritrova per caso nella bottega di un antiquario, il signor Anselmo, specializzato nella compravendita di libri antichi. La ragazza rimane molto affascinata dall’atmosfera che si respira nella bottega tanto da diventarne un’assidua frequentatrice conquistandosi allo stesso tempo anche l’amicizia di Anselmo che le insegnerà il mestiere facendo palesare il talento innato di Olimpia nel riconoscere le opere di inestimabile valore che le passano tra le mani.

Quello che Olimpia però non sa è che Anselmo ha un nipote, Davide, che lavorerà nella loro bottega scatenando subito nella protagonista un turbinio di emozioni riconducibili ad una sola: amore.

La vita di Olimpia continua così negli anni tra la scuola, la bottega, la sua amica Diana e Peggie, una ricca ereditiera amica della madre che da sempre rappresenta per lei un punto di riferimento nonchè una seconda mamma.

Quando però Peggie muore, sarà davide a consolare Olimpia per la sua perdita, e la loro vicinanza contribuirà all’inizio della storia d’amore tra i due giovani da sempre innamorati l’uno dell’altra.

L’idillio però finisce a seguito di un evento molto importante nella vita di Davide che cambierà però soprattutto la vita di Olimpia. La ragazza decide di andare via dalla sua città per andare a studiare e vivere a Londra, per poi trasferirsi a Parigi dove con gli anni diventerà la proprietaria di una delle case d’asta più importanti d’Europa.

Durante gli anni però il sentimento verso Davide non si affievolisce. I due si incontreranno sporadicamente ma ogni anno, per volere del nonno, Davide le spedirà un pacchetto contenente una lettera e un libro antico appartenuto all’Indice dei libri Proibiti, quelli che affascinavano Olimpia fin da ragazzina.

Saranno proprio questi libri la chiave per la conclusione della storia.

Sicuramente è stata una lettura molto interessante e devo ammettere che difficilmente sono riuscita a staccarmene, anche perchè la scrittura è molto scorrevole e mi invogliava ad andare avanti. Oltre alla storia d’amore raccontata, l’atmosfera che le fa da sfondo è molto affascinante, non solo perchè si parla di libri ma perchè si parla di volumi antichi e del mondo dell’antiquariato che personalmente non conoscevo per niente. Le ambientazioni sono bellissime, sia Venezia che Parigi, le due città dove si svolge la storia, hanno un fascino senza tempo. Sono romantiche ma allo stesso tempo misteriose e ogni scorcio, ogni angolo, se guardato dalla giusta prospettiva diventa uno spettacolo meraviglioso.

Nonostante questo però non me la sento di dare un voto ottimo al romanzo. Un pò perchè ho trovato gli ultimi capitoli prevedibili e ripetitivi, e poi perchè non condivido per niente la scelta dell’autrice di far morire un personaggio chiave della storia. Avrei preferito insomma che le cose alla fine si mettessero diversamente.

Olimpia è una protagonista molto forte e affascinante. Quello che più mi ha colpito è stata la sua caparbietà, il coraggio di reinventarsi e non arrendersi mai, anche davanti alle difficoltà più grandi. Mi spiace infatti che il suo non possa essere un lieto fine perchè insomma se lo meritava!

 

Vi lascio con un passo del libro che mi è piaciuto particolarmente:

“Dal basso arrivò l’eco di un applauso e infine si sentì Davide che cominciava a leggere una poesia di Byron, She Walks in Beauty. L’avrebbe riconosciuta, la sua voce, anche in mezzo alla tempesta. La stessa che le aveva sussurrato “ti amo” quando avevano fatto l’amore l’ultima volta. 

Lei cammina splendida come la notte

di limpidi clini e di cieli stellati;

tutto il meglio del notturno splendore

vedo sul suo viso e nei suoi occhi…”

Fatemi sapere cosa ne pensate e se avete già letto questo libro.

Grazie per la visita.

 

 

Annunci

7 pensieri su “Recensione “La collezionista di libri proibiti” di Cinzia Giorgio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...