[Lettura condivisa – Recensione] “Signori bambini” di Daniel Pennac

“La verità non è qualcosa di dovuto!

La verità è una conquista, sempre!”

 

Cari followers ben trovati!

Ricordate quando qualche tempo fa vi ho detto che avrei cominciato una lettura condivisa con Marta di Take a book and drink a coffee

Beh sono felice di annunciarvi che la lettura di “Signori bambini” è terminata e che sono molto felice di averla cominciata.

Abbiamo deciso inoltre di pubblicare nello stesso momento la recensione quindi vi invito a leggere anche la sua che potrete trovare al link che vi ho inserito più su! 🙂

20170807_100232

Anche in questo terzo libro letto di Pennac, ho ritrovato il suo particolare modo di vedere il mondo, il suo stile di scrittura così accattivante e mai ripetitivo.

La storia narra di tre bambini e del professor Craistaing, insegnante di lettere severo e intransigente che da anni ormai terrorizza i suoi alunni che indipendentemente dal percorso scolastico, lo odiano.

Quello che accade però ha dell’inverosimile.

I tre protagonisti durante l’ennesimo scontro con il professore sono obbligati a scrivere un tema per punizione che ha come titolo “Una mattina ti svegli e ti accorgi che, durante le notte, sei stato trasformato in adulto. In preda al panico, ti precipiti in camera dei tuoi genitori. Loro sono stati trasformati in bambini. Racconta il seguito.”

Arrabbiati e frustrati per l’ennesima cattiveria del loro professore, ritornano a casa ma si ritrovano per un motivo o per l’altro a svolgere il compito che li catapulterà in una situazione al limite della realtà. Il titolo del tema si avvera e i tre ragazzini si ritroveranno adulti e alle prese con i loro genitori diventati in una notte bambini.

Sconvolti da ciò che è successo, tentano in qualche modo di rimediare a questa situazione e assistiamo durante lo svolgimento del libro alla scoperta delle motivazioni che sono alla base del comportamento di Craistaing, scopriamo il coraggio dei tre protagonisti e la loro sensibilità di bambini che anche nei panni degli adulti li porta ad agire sempre in modo onesto nonostante tutto. E infine, scopriamo che forse tutto questo è in realtà un piano architettato da qualcuno che dall’alto della sua esperienza ha deciso di dare una svolta alla vita delle persone della sua famiglia e chi gli sta intorno.

“E come si vive male, quando non si è mai sentito quell’afrore! Come si esiste poco, senza infanzia!”

 

Un libro che scorre in modo molto piacevole, l’ho trovato un ottimo esempio del talento dell’autore anche se ammetto di aver preferito altri suoi esempi, come “Abbaiare stanca”  e “Come un romanzo”

Mentre vi ringrazio della visita, vi lascio anche il link di acquisto Amazon: Signori bambini

 

 

A presto,

Teresa

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...