“Il Sabato Poetico” #24

Buongiorno followers e buon sabato!

Lo so, lo so, non scrivo un articolo dedicato alla poesia da mesi e me ne scuso.

Però questa rubrica nasce con l’intento di farvi conoscere dei componimenti che mi colpiscono, che mi suscitano delle emozioni e che mi fanno riflettere. In questo periodo di pausa non ho avuto molto tempo da dedicare alla lettura di poesie e per questa ragione ho deciso di non scrivere gli articoli tanto per ma solo quando un testo sarebbe riuscito davvero ad emozionarmi.

E quindi eccomi qui con l’articolo numero 24 del Sabato Poetico! 🙂

Lo scritto che vi presento oggi fa parte di una raccolta di poesie di Francesco Maneli, intitolata “Lucciole“.

Ho conosciuto questo autore qualche tempo fa poichè ho letto e recensito il suo libro “Ferion – Cuore vs Acciaio“, un fantasy molto interessante e del quale spero di leggere un seguito.

Francesco mi ha inviato la sua raccolta di poesie dicendomi che si trattava di un regalo e che voleva un mio parere sui suoi componimenti. Mi ha anche chiesto di essere sincera (io cerco di esserlo sempre nel rispetto di tutti), e siccome una delle poesie lette fino ad ora mi è piaciuta molto, ho deciso di dedicargli un sabato poetico.

La poesia si intitola: “Per me poesia”, ed eccola qui per voi.

 

 

Una balena bianca che sbuffa

e salta sul mondo,

un elefante dipinto da un topo

a tutto tondo,

 

 

un mare che fa da terra

ad alberi che arrossiscono

che guardano un cielo

pieno di ponti leggeri

che attraversano l’ozono ed i pensieri.

 

 

Ora provo a leggere la poesia

a passeggiare in questo mondo di follia

e scopri che non esiste una speigazione

 

 

per dove sono

ho un solo commento

per quello che leggo

in questa stazione d’oro.

 

 

La poesia ha più volti

tutti veri e diversi

come i battiti di un cuore,

suoni unici ed irripetibili come parole

 

 

che s’incrociano e creano pioggia,

tuoni o passi di persone.

 

 

Rumori di città uniche

che respirano dal suolo

dal quale si alzano soffioni

e dove i ricordi

volano come lucciole sulle decisioni.

 

 

Così la poesia ed il mondo

si raccontano nella calligrafia degli occhi di un bambino

non in quella dei signori o degli autori

 

 

e la verità non è solo per chi ha studiato

perchè non è poi così diversa da ciò che ho amato.

 

 

La poesia si muove come il vento

lasciando libera la vista dai capelli

o da ciò che è stato detto

e increspa le lacrime dei nostri occhi che non mentono.

 

 

Il mondo avrà sempre un’anima

fino a che la poesia sarà quel silenzio dipinto

da quel sangue che ha lo stesso colore

per tutti quelli che l’hanno amato

e scritto con passione regalandogli questo nome.

___________________________________________________________________________

Ho scelto questa perchè mi è sembrato un inno alla bellezza del mondo, della poesia e di quello che può rappresentare.

Vi lascio con il link di acquisto della raccolta di Amazon: Lucciole

E spero di rivederci presto con un nuovo sabato poetico!

 

Annunci

Un pensiero su ““Il Sabato Poetico” #24

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...