[Collaborazione – Recensione] “Sette giorni perfetti” di Rosie Walsh

Lettori buonasera e bentrovati con una nuova recensione 🙂

Ho avuto modo di leggere i primi due capitoli di questo libro grazie all’inserto trovato in un numero della rivista Il Libraio e mi hanno incuriosito a tal punto di segnare il titolo in wishlist. Poi ho avuto la possibilità di leggerlo in collaborazione con la casa editrice che ringrazio tantissimo 🙂

Ecco a voi la trama, e di seguito le mie impressioni:

Si incontrano per caso in un caldo pomeriggio di giugno alla fermata dell’autobus e fin dal primo momento Sarah e Eddie si piacciono da morire. A quasi quarant’anni e con un divorzio alle spalle, Sarah non si è mai sentita così viva. E le sembra che Eddie la aspettasse da sempre. Così, dopo una settimana perfetta passata insieme, quando Eddie parte per un viaggio fissato molto prima di conoscerla e promette di chiamarla dall’aereoporto, Sarah non ha motivo di dubitare.
Ma quella telefonata non arriva. E non arriva nemmeno il giorno dopo, né gli altri a seguire. Incredula, gli occhi fissi sullo schermo del cellulare che non suona, Sarah si chiede se lui l’abbia semplicemente scaricata o se invece gli sia successo qualcosa di grave.
Dopo giorni di silenzio, mentre tutti gli amici le consigliano di dimenticarlo, Sarah si convince sempre più che ci sia qualcosa dietro l’improvvisa sparizione. Tuttavia le settimane passano e Sarah non sa più darsi spiegazioni. Fino al giorno in cui inaspettatamente scopre di aver avuto sempre ragione. C’è un motivo se Eddie non l’ha più chiamata. Un segreto doloroso che li avvicina e insieme li allontana. L’unica cosa che non si sono detti in quei sette giorni trascorsi insieme…

Link acquisto Amazon: https://amzn.to/2HmshQ7
________________________________________________________________

Inizialmente, come ho già detto, il libro mi ha incuriosita, perché l’incontro tra i due protagonisti, questi giorni che trascorrono insieme praticamente da sconosciuti, mi ha fatto venir voglia di scoprire come la storia sarebbe andata avanti.

Dopo i primi tre capitoli la storia va un pochino a rilento, ma senza annoiare, mentre la terza parte è invece un turbine di emozioni.

Ho apprezzato molto i dialoghi, non troppo lunghi e ben articolati. La prosa in generale non mi è dispiaciuta e anzi, ho trovato l’autrice molto brava nel descrivere le emozioni e i pensieri più intimi di ogni personaggio. In alcuni punti leggermente prolisso ma questo non ha compromesso la bellezza della trama.

La storia è davvero particolare e molto intricata, anche se all’inizio non sembra, ci sono molti dettagli nascosti che emergono solo a metà lettura.

Sarah e Eddie si sono incontrati per caso e hanno avuto un colpo di fulmine, sono stati insieme una settimana e poi lui è partito per una
vacanza in Spagna. Dopo una settimana dovrebbe essere tornato ma di lui non c’è neanche l’ombra. Non risponde al telefono e ai messaggi, e dai suoi social gli ultimi aggiornamenti sono di due settimane prima.

Nonostante il poco tempo trascorso insieme, Sarah è molto presa da lui. Il suo matrimonio è naufragato da tempo e lei si è sentita davvero serena nei giorni trascorsi con Eddie.

La protagonista si sente quasi a disagio con i sentimenti che prova per Eddie, sa che si sta comportando come un’ adolescente alla prima cotta ma è convinta e sicura di ciò che ha provato, di ciò che hanno provato insieme. Sa che si tratta di qualcosa di vero e intenso. Per questo non riesce a capacitarsi del silenzio di Eddie.

Nel frattempo scopriamo a piccoli passi che il passato di Sarah non è stato semplice, si è trasferita in America a soli diciassette anni dopo un evento tragico accaduto nella sua famiglia che l’ha segnata molto. Negli Stati Uniti è riuscita a rifarsi una vita apparentemente felice ma nel profondo del suo cuore sa di non essere pienamente se stessa e i momenti trascorsi con Eddie, la sua purezza e la sua semplicità, fanno riemergere le insicurezze e la voglia di amare davvero.

La ricerca di Eddie però continua e devo dire che questo mistero che lo avvolge è molto accattivante, anche perché a mano a mano ci vengono svelati alcuni dettagli e tutto questo spinge il lettore a continuare la lettura senza fermarsi.

A partire dalla seconda metà del libro ci sono tutta una serie di colpi di scena che ribaltano più volte la situazione.

Fino a quel momento sembra tutto chiaro e il lettore pensa di aver compreso tutto, infatti io ho pensato subito di aver capito come si potesse concludere la storia (in modo anche un pochino deludente direi) e invece BOOM!

Tutto il contrario!

Ho letto le ultime cinquanta pagine davvero tutte d’un fiato.

Non ho sentito una forte attrazione verso i personaggi, ma devo dire che sono strutturati bene. La protagonista ha suscitato in me subito simpatia e mi sono rivista in alcuni suoi comportamenti, ho appoggiato le sue decisioni e ho sofferto con lei in alcuni momenti particolarmente tristi.

Mi è piaciuta molto la struttura di tutto, il fatto che si partisse dalla settimana che Eddie e Sarah trascorrono insieme per poi andare a ritroso e poi ancora avanti perché il quadro si compone pian piano senza lasciare buchi di trama e senza essere troppo frettoloso o troppo lento.

Una nota importante da fare è relativa al lavoro della protagonista, si occupa di una associazione no profit di clowterapia con dei veri e propri medici che visitano i bambini alleviando in qualche modo il loro dolore con giochi e scherzi. E’ una realtà triste e poco conosciuta ma che penso possa essere davvero importante per chi soffre tanto. Ogni passo del libro dedicato a questa realtà è un pugno allo stomaco.

La stessa cosa per quanto riguarda il lutto di una persona cara, nei comportamenti dei protagonisti sono nascosti dei consigli, che probabilmente chi ha vissuto un trauma del genere può trovare utili.

«Non sono convinto che l’amore debba essere come un’esplosione. Non deve essere drammatico o famelico, o avere le qualità che gli hanno attribuito scrittori e musicisti. Ma sono convinto che quando lo sai, lo sai. Io lo sapevo e l’ho lasciato andare senza lottare fino in fondo, e non me lo perdonerò mai.»

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...