[Collaborazione – Recensione] “Una ragazza come lei” di Marc Levy

Lettori buon lunedì pomeriggio!

Torno qui sul blog per parlarvi di un libro di uno scrittore a me sconosciuto fino a poco tempo fa, ovvero di Marc Levy e del suo ultimo libro edito Rizzoli “Una ragazza come lei”.

Innanzitutto ringrazio la casa editrice per avermi dato la possibilità di leggerlo e di saziare la mia curiosità in merito ad un autore molto acclamato di cui non avevo letto nulla prima d’ora. Lo conoscevo soltanto di fama e perché tempo fa ho visto un film tratto da un suo libro “Se solo fosse vero” che ricordo con molto piacere, un film triste ma romantico che davvero scalda il cuore.

MA.

Tornando a noi! Qui sotto c’è la trama del libro in questione e, ancora più giù, la mia opinione in merito 🙂

 

51vpefjiigl._sy346_Su Fifth Avenue c’è un palazzo speciale, con un ascensore ancora tutto manuale e un addetto discreto e premuroso sempre pronto ad accompagnare i suoi passeggeri in un favoloso salto nel tempo. Perché salire su quell’ascensore — pareti in legno laccato, una manovella d’ottone tanto lucida da potercisi specchiare, e sul soffitto un affresco rinascimentale — equivale a un breve viaggio su un vagone dell’Orient Express. Ma l’allegro tran tran che da trentanove anni scandisce le giornate del civico 12 viene irrimediabilmente compromesso quando la minaccia dell’installazione di un ascensore moderno si fa sempre più reale. Ma Deepak, il vecchio indiano che da sempre porta su e giù i condomini, non può andare in pensione ora: ha il sogno di una vita da realizzare, e per farlo gli servono ancora un anno, cinque mesi e tre settimane di servizio. A riaccendere le sue speranze è l’arrivo del nipote, Sanji, che si ritrova a fare uno stage come apprendista di Deepak. Nessuno, al 12 di Fifth Avenue, immagina che quel ragazzo sempre in ritardo e assonnato sia a capo di un’immensa fortuna a Mumbai. Neanche Chloé, “la signorina dell’ottavo piano”, a cui il destino ha tentato di cancellare, senza successo, il sorriso; quel sorriso radioso che ha stregato Sanji fin dal loro primo incontro. Tra equivoci seriali, intuizioni d’amore e sprazzi di comica umanità, riusciranno Sanji e Chloé a colmare le distanze tra loro? 

Link acquisto: Una ragazza come lei


Dunque, parto dicendo che dalla trama il libro mi ha incuriosito molto e che la prima metà del testo mi è piaciuta tantissimo. Purtroppo però gli ultimi capitoli e la conclusione non hanno incontrato i miei gusti e l’entusiasmo iniziale è andato scemando. 

Inizialmente il libro era scorrevole e ritmato, il microcosmo rappresentato dal palazzo e le dinamiche tra i coinquilini mi sono risultate interessanti e divertenti. Questo scontro poi tra il moderno e l’antico rappresentato da Sanji e dai suoi zii è forte e dona alla storia un sapore molto attuale. 

L’incontro tra Sanji e Chloè, i due protagonisti principali, è molto romantico e fin da subito ho provato simpatia nei loro confronti. 

Sanji è un ragazzo che si è dovuto allontanare dall’India, suo paese natale, per lavoro e per far crescere la sua azienda negli Stati Uniti. 
Per questo si è ritrovato a conoscere una zia che non aveva mai visto a causa di dissidi famigliari di tanti anni prima. 

Chloè è una ragazza molto attiva e dinamica, nonostante il lettore comprenda subito che nel suo passato c’è un trauma forte, si nota immediatamente la forza d’animo della ragazza che non si lascia intimidire dai pregiudizi e dalle difficoltà. La tragedia che l’ha colpita ci viene raccontata a piccoli passi attraverso pagine di diario dalla stessa Chloè, e devo dire che alcuni passi sono davvero toccanti. 

Tra di loro si avverte subito una certa chimica, anche se i loro “appuntamenti” non sono mai convenzionali, ho apprezzato molto l’evolversi del loro sentimento. 

È vero che loro sono due persone molto diverse rispetto in generale alla società, perché lui è un indiano in America e lei invece ha questa menomazione fisica ma sinceramente non mi va di sottolineare questa cosa perché penso che sottolinearlo sia solo un modo per farla diventare importante quando in realtà non lo é, perché sono solo due persone che si stanno innamorando. Indugiare su alcune caratteristiche soltanto perchè potrebbero fare “scalpore” non mi piace, per far si che una cosa appaia normale dobbiamo trattarla proprio come tale. 

Ritornando alla storia. 

I personaggi di Lali e Deepak, gli zii di Sanji, sono secondari ma molto importanti ai fini della storia. Sono loro ad accogliere il nipote in America e a portarlo al palazzo, sono loro che gli danno qualche dritta per quanto riguarda Chloè e sono sempre loro a spingerlo a raggiungere i suoi obiettivi. 

Dalla seconda metà del libro però, come dicevo anche prima, tutti questi lati positivi sono andati un po’ scemando. Il ritmo iniziale si è affievolito, sono stati aggiunti degli eventi secondo me non utili alla storia e al suo svolgimento, come se si avesse l’intenzione di allungare il brodo. 

Le dinamiche dei vari coinquilini diventano noiose e poco accattivanti. I personaggi secondari, in particolare Lali, mi sono risultati antipatici e presuntuosi. 

Avrei apprezzato un approfondimento maggiore del passato di Chloè e di Sanji, e un occhio di riguardo in più nei confronti della loro storia che, a mio avviso, è poco dettagliata. Non ho apprezzato poi un gesto che Chloè compie nelle ultime pagine, l’ho trovato senza un senso apparente. 

Insomma fino alla prima metà il libro mi stava davvero piacendo, poi però sono rimasta delusa dall’evoluzione della storie e dalla sua conclusione. 

Ciò non toglie che Levy credo abbia un grande talento narrativo, riesce comunque a coinvolgerti. Forse ho cominciato dal libro sbagliato la sua conoscenza? 

 

 




Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...