Blogtour “Piccole donne”: biografia Louisa May Alcott

Buongiorno e benvenuti all’ultima tappa del blogtour dedicato ad un gioiellino: l’edizione Oscar Draghi di Piccole donne

978880471989HIG-333x480

Il tour è stato organizzato insieme ad altre ragazze che hanno parlato nei giorni scorsi dei contesto storico e dei quattro libri contenuti in questa edizione, vi lascio qui sotto il banner così potrete ricercare anche i loro articoli (il blog è il primo nome mentre il secondo è il profilo Instagram):

PICCOLE DONNE tour.png

La mia tappa, l’ultima appunto, si propone di conoscere meglio l’autrice e di comparare in qualche modo la sua vita e la sua personalità, alle quattro sorelle protagoniste del suo romanzo più celebre.

BANNER Biografia.png

Louisa nacque a Germantown, una cittadina prima indipendente e oggi integrata nella più grande Philadelphia. Figlia di un filosofo e di una attivista, anche Louisa aveva tre sorelle, proprio come le quattro protagoniste del libro, e lei era la secondogenita.

Ricevette un’istruzione privata e si spostò spesso insieme alla sua famiglia che non viveva in condizioni economiche agiate.

Louisa_May_Alcott_headshot.jpg

Per questa ragione Louisa dovette lavorare fin da giovane ricoprendo diverse mansioni come l’insegnate e la sarta, fino a diventare scrittrice. Stesso destino ebbero le sorelle e la madre, tutte appunto impegnate lavorativamente, proprio come le protagoniste del libro che si danno da fare per aiutare la famiglia.

Non ebbe vita facile ma si diede parecchio da fare soprattutto per i diritti delle donne.

Così come Jo, anche lei vide il matrimonio della sorella maggiore Anna come la fine della sorellanza, insieme alla tragica morte nello stesso periodo della sorella minore. Non ebbe figli suoi ma adottò la figlia della sorella May dopo la sua morte.

Lavorò durante la guerra di secessione americana come infermiera ma la sua carriera di scrittrice iniziata nel 1855 con la pubblicazione del suo primo libro Flower Fables (una raccolta di racconti), non si fermò.

Scrisse anche sotto lo pseudonimo di A. M. Barnard, libri come Un lungo fatale inseguimento d’amore e Passione e tormento, entrambi di grande successo.

Il successo letterario più grande però, arrivò proprio con la pubblicazione della prima parte della storia delle sorelle March, ovvero Piccole donne.

Apertamente semi autobiografico, la Alcott descrive scene di vita quotidiana di quattro sorelle ispirandosi alla sua infanzia.

Continua poi la tetralogia con Piccole donne crescono, Piccoli uomini e I ragazzi di Jo. Gli ultimi due seguono principalmente la vita di Jo, la seconda delle sorelle March, per la quale è evidente Louisa si sia ispirata a se stessa. Unica differenza il matrimonio che lei non contrasse mai a differenza del suo alter ego letterario.

Tantissimi sono gli altri racconti e libri pubblicati sia in vita che postumi, qui potrete leggerli tutti.


Avete letto i libri? Cosa ne pensate?

P.S.

Volevo ringraziare tantissimo le ragazze del gruppo perchè è stato divertente collaborare con loro 🙂

2 pensieri su “Blogtour “Piccole donne”: biografia Louisa May Alcott

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...